Perché aspettare Natale?

Perché aspettare Natale per prendere qualche chilo?? A questa domanda non c’è chiaramente una risposta sufficientemente valida, quindi…. biscotti!

L’incredibile aiuto delle mie bimbe convalescenti ha fatto sì che ieri sera mi sentissi davvero a pezzi; ma lo ammetto: ci siamo divertite un sacco! Stamattina abbiamo passato il cioccolato sui biscotti e casa ancora riporta i segni della loro collaborazione (come fa la scrivania dello studio ad essere macchiata di cioccolato? E la porta d’ingresso? Mistero…).

Eccoli qui! Spero arrivino non dico a Natale, ma almeno alla prossima settimana!

 

Le novità? Biscotti di frolla montata con farina di riso (stessa ricetta ma cambio farina); biscotti al the matcha (frolla bianca più un cucchiaino di the) ed infine biscotti al caffè (stessa frolla, con aggiunta di un cucchiaio di caffè, un cucchiaino di polvere di caffè e un cucchiaio di cacao amaro. Qui la prossima volta aggiungerò più caffè liquido per un aroma più intenso).

Chiaramente per non risparmiarmi ho anche fatto biscotti al cocco e biscotti integrali, ma non hanno ottenuto la mia totale approvazione; non proprio bocciati ma…rimandati! (Lessico da deformazione professionale)

Annunci

I biscotti della festa

Da molto tempo avevo voglia di preparare i dolci di mandorle. In casa dei miei sono i dolci delle feste. Rappresentano un po’ i momenti importanti, parlano di battesimi, comunioni, matrimoni; ma ancora raccontano della mia cara nonna che da 10 anni non c’è più e che era solita comprarli per il suo onomastico; ed infine narrano il mio di matrimonio, i giorni precedenti, le scatole piene, il profumo delicato delle mandorle, le risate con mia sorella mentre li confezionavamo, le chiacchierate, l’emozione di quel giorno.

Visto che dovevo provare, ho acquistato la farina (con tante mandorle che abbiamo in campagna…ma volevo farli, e non avevo tempo e voglia di schiacciare, pelare e tritare mandorle!) e mi sono messa all’opera! 

Tentativo 1: bellini, i miei dolcetti; piccoli e tutti uguali, aromatizzati al caffé, con la marmellata e con 1 amaretto tritato (si, ok, gli amaretti si fanno con l’aggiunta di mandorle amare, ma figuriamoci se le avevo!) ma (ovvio, c’è sempre il ma) un po’…boh, come definirli? Chiommosi, pesanti, compatti. Buoni al gusto ma non piacevoli.

Tentativo 2: aggiunto un pizzico di lievito, i dolci si sono trasformati! Fantastici? La ricetta? 500 g farina di mandorle, 250 g zucchero, scorza di limone, un pizzico di cannella, un pizzico di vaniglia e 3 uova. 

  
Tentativo 1


Tentativo 2  

Biscotti morbidi con ricotta e cioccolato

Ennesimo esperimento culinario! 

Avevo comprato la ricotta per preparare le pardulas sarde (sarebbe stato un primo tentativo anche questo!) ma poi il dubbio: vista la valanga di dolci che sto preparando (e che ho intenzione di preparare) nonché del cioccolato che a breve invaderà casa, le pardulas si conserveranno? Per quanti giorni?

Cambio di programma, e di ricetta! Ho provato a fare dei biscotti; la ricetta è stata presa da internet e il risultato…beh, buono! Strano, a dire il vero. Non si tratta della solita consistenza biscottosa ma mi ricordano un po i Pangoccioli della Mulino Bianco ( o sarà solo per le gocce di cioccolato e la forma?) solo un po’ più compatti. A marito e bimbe sono piaciuti tanto, quindi li rifarò!

  

Dolci voglie

Avrei dovuto scrivere questo post ieri, ma dato che oggi è giornata libera, vale lo stesso!
Lunedì sera sono stata presa da una ventata di malinconia: fratello e sorella partiti, scatoloni per albero e presepe già pronti, Sabrina tornata all’asilo…
In fondo si sa, l’Epifania tutte le feste porta via….
Come combattere la malinconia? Il solito vecchio metodo che funziona sempre: cioccolata!
Ignorando il fatto che la mattina dopo casa sarebbe stata inondata da zuccheri sotto varie forme, ho pensato di darmi ai biscotti con cioccolato. Ho testato due ricette, la prima con cioccolato fuso nell’impasto, la seconda integrale (così mi sono illusa di aver fatto meno danni!)
Eccole qui

Biscotti (morbidi) al cioccolato
Ingredienti
200 g di cioccolato fondente
250 g farina
80 g zucchero
2 uova
1 bustina lievito
75 g burro
1 cucchiaio di cacao amaro
Procedimento
Sciogliere a fiamma bassa cioccolato e burro, aggiungere lo zucchero e lasciar raffreddare; incorporare le uova una per volta e infine le polveri setacciate. Lasciar riposare in frigo almeno un’ora, poi formare delle palline, passarle dallo zucchero a velo e infornare a 180 gradi per 10/15 minuti.
Il risultato dovrebbe essere un biscotto morbido ma, aimè, io non l’ho ottenuto. I miei biscotti sono duri ma…ottimi!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/3d7/15176/files/2015/01/img_2070.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/3d7/15176/files/2015/01/img_2071.jpg

Biscotti integrali
Ingredienti
250 g farina integrale
90 g zucchero di canna
1 cucchiaino di lievito
2 uova
50 g burro
Gocce di cioccolato
Procedimento
Lavorare burro e zucchero, incorporare le uova, farina e lievito ed infine il cioccolato. Lasciar riposare almeno un’ora in frigo. Formare delle palline ed infornarle a 180 gradi 10/15 minuti.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/3d7/15176/files/2015/01/img_2073.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/3d7/15176/files/2015/01/img_2082.jpg

Sapori sudamericani

Come ogni mio “tentativo“, anche questo è nato da una provocazione:
Mia sorella: – La mia coinquilina è stata carinissima, mi ha portato il dulce de leche per farmelo assaggiare.
Io, senza sapere neanche di cosa stessimo parlando (ok, dolce, e qui ci arrivo, ma…cosa? Torta? Budino?): – Beh, fatti avere la ricetta.
– Lei non lo sa fare, ma ci sarà su internet.
– Mmmm
E così viiiiaaa su internet a cercare! Cosa? Una crema?? E che ci faccio? Alfajores con dulce de leche! Wow!
La ricetta? Per il dulce de leche 500 ml di latte, 150 g di zucchero e mezza bacca di vaniglia; ho messo a cuocere il tutto nel pentolino antiaderente per una mezz’ora e voilá! Fantastica!
Per i biscotti 100g di farina, 150g di maizena, 2 uova, mezzo cucchiaino di lievito, 75g di zucchero e 100g di burro, scorza di limone grattuggiata. Il procedimento è il classico, e dopo aver lasciato riposare l’impasto in frigo, l’ho steso, ho preparato i biscotti e ho infornato a 170 gradi per 15 minuti scarsi. Uniti a coppie con la crema, sono davvero fantastici! Li rifarò! E domani, la crema avanzata finirà sulle fette biscottate a colazione!
Grazie Po!

IMG_1972.JPG

IMG_1975.JPG
Ed ecco le foto della crema prima e dopo!

IMG_1954.JPG

IMG_1956.JPG

Oggi biscotti!

Oggi avevo voglia di (fare) biscotti perciò mi sono messa all’opera con il fondamentale contributo di miafiglia grande!
Mi sono proprio divertita! È stato bello prendermi del tempo solo con lei…abbiamo impastato, tagliuzzato, infornatoa..e ora è qui che cerca di spingere tasti e mangia il suo sesto biscotto; e igni volta ha una scusa nuova (“questo è tondo”, “questo è a forma di leone” ecc ecc)
Che bel pomeriggio! ( nonostante la febbre a 40 di Cristina)

IMG_1928.JPG

IMG_1932.JPG

IMG_1931.JPG
Ps: la ricetta è quella classica, più le gocce di cioccolato che, come il nero, vanno bene con tutto!

Frenesia da biscotti

Con il conto alla rovescia partito, a 9 giorni dal Natale, sono stata presa da una voglia di fare biscotti!
Ma non tipo voglia casalinga: 1 kg di farina e poi vai di olio di gomito, armati di pazienza, a stendere, coppare e infornareuna teglia dopo l’altra di biscotti al burro ( la ricetta è sempre quella pluritestata di zia Maria); questa volta visto che le mie due pesti mi lasciano taaaaaanto tempo libero, vorrei provare un’infinità di ricette diverse, tipo pasticceria. A pensarci bene, se mi dovesse andar male tutto il resto, mi resta sempre “la via dello zucchero”!
Le alternative sono tante ma ho “ristretto” il campo a 7 ricette. Ora vorrei capire se ce la farò a restringere il campo o nella pazzia più totale, li proverò tutti!

Ecco la lista, giusto per promemoria!

Biscotti al burro (nuova ricetta) – biscotti al cioccolato fondente – biscotti al miele – biscotti allo zenzero – biscotti di frolla montata – cookies ai due cioccolati – biscotti alla maionese.

20131216-105953.jpg