Sapore d’estate

Dopo i canditi duri come caramelle (il sapore però è delizioso, e il profumo anche; occorre solo….lasciarli sciogliere in bocca!) ecco la ricetta della bibita di limone.
Semplicissima profumata e rinfrescante, mi ricorda proprio l’estate!

Ingredienti
500 ml di succo di limoni
500 ml di acqua
1 kg di zucchero

Procedimento
Portare ad ebollizione acqua e zucchero e lasciar cuocere finchè lo zucchero non “fa il filo” (metodo antico ma sempre efficace per valutare il giusto addensamento: versare una goccia di sciroppo sul pollice, stringerla tra pollice e indice e poi allontanare le dita. Lo zucchero sarà pronto quando il filo che si formerà non si spezzerà.
Lasciar raffreddare un po’ e aggiungere il succo di limone filtrato.
Lo sciroppo di limoni va conservato in frigo e si utilizza allungato con acqua.

Quanto tempo può conservarsi? Considerando la quantità di zucchero e la temperatura, direi abbastanza, ma a casa non è sopravvissuto mai tanto da poter dare questo dato con certezza!

Ps: che poi la limonata mi ricorda le mie letture estive da ragazzina…come dimenticare il banchetto di limonata delle Giovani Marmotte?!

20140331-194159.jpg

Annunci

Profumo di limoni

Ci sono volte che vuoi un limone, apri il frigo e trovi solo un oggetto di forma tondeggiante, bruno, duro come una pietra, che ti chiede pietà; altre volte, invece, tutto il cassetto è pieno di splendidi limoni freschi, e per di più non trattati.
Che farne? Opzione 1: grattuggiare la buccia e metterla nel congelatore (per i momenti di crisi di cui sopra); opzione 2: sciroppo di limone per fare la limonata. Non è ancora estate ma la limonata fresca è sempre dissetante; opzione 3: fare i canditi.
Partendo dal presupposto che le diverse opzioni si completano a vicenda, ho deciso di fare tutto!
Non ho mai fatto i canditi e perciò è stato questo il mio esperimento più azzardato. La ricetta è semplice: si toglie la buccia a 3 limoni oppure li si taglia a fette sottili, si mettono in un recipiente con l’acqua fredda e si cambia l’acqua 4 -5 volte al giorno per tre giorni. Trascorso questo tempo si asciugano le scorze e si mettono in un pentolino 400g di zucchero e 200g di acqua. Quando lo sciroppo arriva ad ebollizione, si aggiungono le scorze (io le ho messe in 3 volte ) e si fanno bollire 3 minuti. A questo punto si scolano e si fanno adciugare sulla carta da forno. L’operazione va ripetuta 3 volte.

Risultato? Ho candito delle fettine e le scorzette, le prime sono venute nelissimo, le seconde, l’ultima volta, le ho fatte bollire 7 minuti e….più che canditi sembrano caramelle! Son talmente dure che bisogna farle sciogliere in bocca!!!
!

20140330-162753.jpg

20140330-162811.jpg