Un po’ di dolcezza

La cheesecake non mi fa impazzire ma è diventata un po’ una fissa; obiettivo: trovare una combinazione vincente. Ho provato a farne diverse. Alcune troppo grasse, altre troppo pesanti, altre troppo gelatinose, altre ancora con la base troppo dura, difficile persino da tagliare.

Dopo tante prove e diversi tentativi, ho raggiunto il risultato che cercavo!

Cheesecake al pistacchio

Ingredienti

  • 200 g biscotti Digestive
  • 80 g burro
  • 50 g formaggio tipo philadelphia
  • 250 g formaggio tipo philadelphia
  • 250 g mascarpone
  • 250 ml di panna da montare
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 100 g di crema al pistacchio
  • 6 g di gelatina in fogli
  • pistacchi tritati per decorare

Procedimento

Tritare i biscotti e impastarli con il burro e i 50 g di formaggio, foderare una teglia con carta da forno e versare i biscotti premendo bene. Montare la panna e mettere in acqua fredda la gelatina. Montare mascarpone, burro e formaggio, aggiungere lo zucchero e la crema al pistacchio. Sciogliere a fiamma bassa la gelatina, versarvi un cucchiaio di impasto – affinché non si formino grumi gelatinosi – e incorporare alla crema di formaggi il tutto. Aggiungere infine la panna mescolando con delicatezza. Versare la crema sulla base di biscotti, farcire con i pistacchi tritati e mettere in frigo almeno 4-5 ore. Et voilà!

WhatsApp-Image-20160521

 

Concorso…nulla da aggiungere

Domani il via ufficiale del concorso docenti 2016. Il 2 maggio tocca a me.

Non so proprio da dove iniziare. Non so se ridere, piangere, disperarmi; non so se presentarmi, tanto per scaldare la sedia e zittire tutti, o restare a casa evitando stress, tempo e spreco di benzina. In fin dei conti, per me il concorso sarà solo questo: stress, sensi di colpa per non aver preparato nulla, consapevolezza che dopo 10 anni che non si è ripresa la letteratura, di certo non ci si ricordano perfettamente date e opere, e se vogliamo anche un po’ di senso di inadeguatezza.

Continua a leggere

Quasi un secolo sulle spalle

Oggi mia nonna compie 98 anni. Novantotto….mi fa una certa impressione solo pronunciarlo. Novantotto anni…chissà quante ne ha viste…è nata mentre il mondo festeggiava la fine della prima guerra mondiale, ha vissuto il fascismo, l’ascesa di Mussolini, lo scoppio della seconda guerra; si è messa in fila per i razionamenti, ha fatto carte false per ottenere più zucchero, ha nascosto i dolci perché vietati. Continua a leggere

Sabato da leoni, domenica…

Ieri un bel sabato. Sarei dovuta andare a fare yoga (sarebbe stata la seconda volta…e non ho ancora deciso se fa o meno per me) ma poi mi si è prospettata la possibilità di andare in bici. Noi due? Ma si, dai, tanto poco importa….poi sono aumentate le adesioni e mi sono ritrovata al classico ritrovo, al bar, con tante facce nuove. “Wow, e se meditassi la fuga?Magari fingo un malore, me la squaglio così evito commenti occhiatine” Perché sì, ogni volta è così… Continua a leggere